mercoledì 23 aprile 2014

76 AUTRICI HANNO RISPOSTO AL CENSIMENTO SU FB. WOW!

Qualche giorno fa, il 12 aprile per la precisione, ho chiesto alle autrici che come me frequentano alcuni gruppi FB (Verde Bianco e Rosa - Io sostengo le autrici italiane - Narrativa Italiana Contemporanea), di rispondere a un piccolo questionario (a proposito, chiedo scusa se qualcuna ha avuto qualche disagio nell'accedere al mio vecchio gruppo del Gatto Rosso). Perché questo sondaggio? Più che altro per una curiosità mia, non certo perché io volessi scoprire qualcosa di rivoluzionario o rivelare qualche verità assoluta. Una curiosità che però credo sia condivisa da molte di voi. Partendo dal dato di fatto che 1) alcune autrici attive sui citati gruppi di FB non hanno risposto (quindi in realtà siamo di più) e 2) che il censimento permetteva di segnarsi in una sola categoria, il risultato ottenuto dice che questo angolino di FB, quello che io conosco e in cui mi muovo, è frequentato da ben 76 autrici, se non ho sbagliato i conti (cosa che può sempre essere). 76, famose e meno famose, con anni e anni di carriera alle spalle o con un solo romanzo auto-pubblicato. Ecco cosa emerge dal sondaggio: 
29 scrivono contemporanei
17 storici
10 thriller
6 di tutto, in base all'idea del momento
6 urban fantasy + paranormal
2 avventura + fantasy
2 paranormal + erotici
2 paranormal + time travel
1 erotici
1 romanzi con cavalli e animali per sensibilizzare
Come potete vedere, la suddivisione segue abbastanza da vicino l'andamento delle classifiche di vendita e la parte del leone la fa il contemporaneo. Seguono gli storici e subito dopo, riuniti insieme, fantasy e  paranormal  (categorie urban fantasy+ paranormal; avventura + fantasy; paranormal+erotici; paranormal+ time travel). Quindi è la volta dei thriller e, fanalino di coda,  l' erotico; visto il successo che questo genere sta riscuotendo, mi è parso strano, ma ho pensato che, poiché qualsiasi romanzo di qualsiasi genere può essere anche erotico, chi scrive erotici possa essersi segnata sotto un qualsiasi altro genere. In ogni caso questo piccolo sondaggio non riguardava il cosa scriviamo, ma in quante scriviamo.
Personalmente credo che siamo tante, soprattutto se si considera il fatto che l'ambito della ricerca era limitato a tre gruppi FB. Ma essere tante, se può essere un handicap per quel che riguarda banalmente la concorrenza che possiamo farci fra noi, si rivela a mio avviso un grande vantaggio perché possiamo avere una voce come gruppo, possiamo avere dei numeri per farci ascoltare, anche dai lettori. L'unione, si sa, fa la forza. L'ho detto nel mio brevissimo intervento a La Vie en Rose (ancora grazie per la bellissima giornata che ci avete fatto trascorrere, June, Silvia e Caterina): con il digitale è nato un mercato che di fatto prima non esisteva, fatto di scrittrici italiane e di lettrici che hanno dimostrato di apprezzarle. Forse le case editrici (che oggi non se la passano bene, anzi...) dovrebbero accorgersi di queste autrici invece di puntare quasi solo sui nomi stranieri più sicuri, investendo su di loro e non solo limitandosi a fagocitare chi giunge in cima alle classifiche di vendita. 
Quel che davvero conta è che, in ogni caso, grazie al self publishing e alle nuove case editrici e alle collane digitali, le porte della pubblicazione sono oggi aperte a tutti, noi 76 comprese. Anche se, ovviamente, saranno i lettori a dire l'ultima parola.
Prima di chiudere vorrei ringraziare l'amica Samanta Catastini per aver partecipato al censimento e per scrivere 'romanzi con cavalli e animali per sensibilizzare' i lettori. Ci vorrebbero più persone come te Samanta
 in questo mondo. Te lo dico col cuore.
Un grande grazie a tutte coloro che hanno avuto la pazienza di partecipare al sondaggio e  di seguirne gli sviluppi.
Ho detto la mia. Mi farebbe piacere sentire la vostra. 

Yours truly
                      Viviana



6 commenti:

  1. Letto Viviana, e concordo appieno! La strada giusta è quella della collaborazione fra autrici, se non ci lasciamo intralciare dalle gelosie, diventiamo molto più forti unite. Ed EWWA ne è la dimostrazione!

    RispondiElimina
  2. Sei sempre una fonte inesauribile di idee e praticità! Monitorare i fenomeni e quanto avviene aiuta tutte a districarci meglio in questa realtà complessa. Grazie :)

    RispondiElimina
  3. Anch'io credo che insieme si possano fare grandi cose. L'unione fa la forza, non è così che si dice? E, considerato che non tutte le autrici italiane hanno partecipato al sondaggio, siamo davvero in molte. Sarebbe carino fare un sondaggio anche sui generi affrontati, visto che alcune di noi spaziano un po' fra generi letterari diversi.

    RispondiElimina
  4. Hai già fatto e detto tutto che, che dobbiamo dire? :)

    RispondiElimina
  5. Grazie amiche per le vostre risposte. Mi piacerebbe continuare con l'analisi, Laura, ma non vorrei scassare più di tanto. Vedremo.
    @Irene: nel caso non foste d'accordo con quanto ho scritto io...

    Un caro saluto a tutte.

    RispondiElimina